L’autolavaggio Bellavista é stato completamente rinnovato nel mese di Luglio 2011 e dispone di n. 2 piste dotate di 6 testine pulirotanti più 1 specifica per il lavaggio di tank container con un solo passo d’uomo, collegate a due macchinari di ultima generazione con una portata d’acqua di 150 l/minuto, una pressione di 100 bar ed una temperatura max. di 90° C. Vi sono inoltre 4 lance ad alta pressione ed una sonda ( topolino ) per la stasatura ed il lavaggio delle condutture di scarico delle autocisterne collegate ad un altro macchinario di ultima generazione con una portata d’acqua di 85 l/minuto a 100bar di pressione.

L’acqua, per coadiuvare l’azione meccanica delle pulrotanti, può essere adittivata di sostanze detergenti sia acide che alcaline. A tale scopo è stata installata una nuovissima pompa dosatrice per alta pressione in acciaio inox che può essere alimentata con cinque differenti detergenti e con un sistema di risciacquo automatico dei circuiti, dopo ogni aspirazione, in maniera che mai i differenti prodotti vengano a contatto tra loro. Nel nostro impianto vengono utilizzati detergenti specifici per ogni esigenza di lavaggio tutti correlati di scheda tecnica e di sicurezza.

Siamo in grado, inoltre, di effettuare uno speciale trattamento di deodorizzazione con potere germicida – battericida finalizzato ad assorbire eventuali odori sgradevoli del prodotto precedentemente trasportato. È presente inoltre una caldaia per la produzione di vapore da utilizzare sia per il lavaggio che per il riscaldamento delle autocisterne.

Si effettuano riscaldamenti dei prodotti 24 ore su 24 compresi i weekend con monitoraggio continuo della temperatura da parte di un operatore tramite sonda ad immersione e/o termometro laser e compilazione del report.

Tutte le bonifiche da noi effettuate vengono corredate di certificato di lavaggio a garanzia del lavoro svolto. Tale documento è costituito da un originale più 2 copie con numerazione progressiva e con indicate le operazione effettuate durante il lavaggio. E’ possibile effettuare a fine bonifica un controllo con ph metro digitale e se richiesta la piombatura della cisterna con codice annotato sul certificato di lavaggio.